Dal 1976 a oggi. Ridefiniamo gli orizzonti del design. 

Motta di Livenza, piccolo paese del Veneto, è il luogo di nascita di Magis. Da secoli la regione è nota per le sue attività artigianali, la sua creatività e le attività commerciali di successo. 

Nel cuore di questo vivace territorio, Eugenio Perazza riesce a realizzare la sua idea di un’azienda di design al passo con i tempi: un luogo di libertà autentica, da esplorare. Un luogo in cui il design e l’innovazione tecnologica avanzano di pari passo per offrire al pubblico prodotti belli, utili e originali. 

Il nome dell’azienda incarna quest’idea. Magis è una parola latina che significa “di più”.

Una filosofia che si riflette in ogni prodotto di Magis. Magis sperimenta costantemente nuovi linguaggi del design, nuove tecnologie e nuovi materiali, presentandosi sempre come qualcosa “in più” rispetto all’ordinario o al previsto. Nel segno della sua mission, Magis ha ottenuto successi sia da parte della critica che in ambito commerciale, diventando uno dei marchi di design più influenti su scala internazionale. 

Nel 1996 altri due membri della famiglia, Barbara Minetto e Alberto Perazza, hanno fatto il loro ingresso. Magis è rimasta un’azienda familiare nel senso più autentico della parola: indipendente, guidata dai valori della famiglia. Riconoscenza, lealtà, rispetto e un grande senso della comunità sono i cardini delle relazioni con tutti i dipendenti, i designer e i partner di Magis. 

Nel 2010 Magis si è trasferita nella nuova sede di Torre di Mosto. Su un’area di circa 98.000 m2 hanno trovato posto la logistica, il reparto di assemblaggio e tutti gli uffici. Un grande showroom invita i visitatori a dare un’occhiata ai prodotti Magis più iconici e a scoprire in prima persona cosa significa Magis. Nel 2016 Alberto Perazza è stato nominato CEO di Magis. Questa transizione naturale ha dato il via a una nuova stagione per Magis, sempre fedele alla propria essenza: essere voce creativa e all’avanguardia nel design. 

Tappe della nostra storia 

1994 – Bottle. Magis appare sulla scena internazionale del design.  

Bottle è un prodotto che ha segnato una data importante nella storia di Magis. Questo portabottiglie impilabile è stato il primo prodotto progettato da Jasper Morrison e ha rappresentato l’inizio di una lunga e fruttuosa collaborazione. of many more to come. 

Bottle è stato un enorme successo commerciale, un prodotto accolto con grande favore nel mondo del design, vincitore di molti premi importanti. Il MoMa di New York ha inserito Bottle nella sua collezione permanente e lo stesso hanno fatto altri musei prestigiosi nel mondo. 

1997 – Bombo. Lo sgabello più copiato di tutti i tempi

Bombo è l’esempio perfetto di come un singolo oggetto possa cambiare la percezione di un’intera categoria di prodotti. Sviluppato in collaborazione con Stefano Giovannoni, Bombo ha riscontrato un grandissimo successo sia da parte della critica che a livello commerciale, sin dal giorno della sua presentazione.

Senza dubbio è uno sgabello pratico per l’uso quotidiano. La sua seduta può girare di 360° permettendo di orientarsi in qualsiasi direzione e, grazie al pistone a gas, è facilmente regolabile in altezza. Ma ciò che rende Bombo eccezionale è il suo design importante. È come se lo sgabello da bar perfetto non potesse avere che questa forma iconica. 

Bombo oggi è presente nelle case, nei bar e nei ristoranti di tutto il mondo. Ma soprattutto, è diventato parte della nostra memoria culturale. Il suo grande successo lo ha reso uno degli oggetti di design più copiati di tutti i tempi. Eppure, solo uno è il vero Bombo.

2000 – Air-Chair. Quando l’innovazione tecnologica incontra un design sofisticato. 

Air-Chair è la manifestazione in bellezza di una rivoluzione tecnologica. Ispirati dall’idea di leggerezza e stabilità, Jasper Morrison e Magis hanno sviluppato la prima sedia monoscocca, utilizzando lo stampaggio in air-moulding. Un metodo di produzione sofisticato che consiste nell’iniettare un gas nello stampo insieme al polipropilene caricato di fibra di vetro. Il risultato è una sedia molto resistente, ma leggerissima.

Il design di Air-Chair è di una semplicità disarmante: regolare e puristico, lineare ed essenziale. Un classico senza tempo che è anche estremamente pratico. Air-Chair è maneggevole, impilabile e adatta a un uso sia all’interno che all’esterno. 

2003 – Chair_One. Serve coraggio per creare un’icona.
 
Meglio di qualsiasi altro oggetto di design, Chair_One riflette alcune delle caratteristiche che più ci piacciono: coraggio, audacia, tenacia e fiducia nel fare la cosa giusta. Quando abbiamo presentato Chair_One, il mondo del design è rimasto colpito. Si è pensato che fosse un esperimento, al massimo un’opera d’arte. Oggi, Chair_One è un ampiamente riconosciuta come un classico del design, esposta nei musei più prestigiosi e utilizzata nelle case, negli uffici e nei ristoranti di tutto il mondo.

Konstantin Grcic ha creato un capolavoro del design sfruttando il potenziale della pressofusione, una tecnologia di precisione che permette di creare forme tridimensionali complesse. Trovare la forma giusta è stato un percorso lungo e a volte faticoso, sfociato in una sedia eccezionale che offre il massimo comfort utilizzando la minima quantità di materiale. 

Chair_One è veramente unica nel suo genere. Chi l’ha vista non la dimentica. 

2004 – Magis Kids. Mettiamo i bambini al centro della progettazione.

La nascita di Magis Kids è proprio una storia di famiglia. Eugenio Perazza desiderava regalare alla nipotina Anna un tavolo su cui disegnare. Ma si accorse subito che non esistevano arredi adatti ai bambini: facili da usare, ma con un valore educativo e con elevate caratteristiche di design. Eugenio decise così di progettare e produrre un’intera linea Magis dedicata ai bambini che fosse in grado di soddisfare queste esigenze.  

L’ambizione alla base di Magis Kids era quella di sviluppare ogni prodotto attraverso gli occhi di un bambino, non limitandosi a produrre su scala ridotta oggetti di design già esistenti. Collaborando con designer come Enzo Mari, Javier Mariscal e Eero Aarnio, prese vita un mondo colorato, felice e sorprendente. 

Dalle sedie leggere agli spazi per nascondere tesori, dai letti modulari agli animali per giocare e alle case in cui abitare. Magis Kids permette ai bambini di sperimentare la loro creatività in maniera semplice, a misura di bambino.

2005 – Puppy. La creatività di uno schizzo a quattro zampe.

Puppy è un cagnolino progettato da Eero Aarnio, spinto dal desiderio di vedere ciò che vedono i bambini quando disegnano i cani. Una testa, un corpo, delle zampe, una coda. Tutto qui. Colorato, durevole e divertente. 

I bambini adorano questo piccolo amico. Piace anche ai designer e agli artisti. È una pagina bianca su cui esprimere la loro creatività. Oggi Puppy si può trovare in infinite versioni e varianti. Ognuna di esse è un’opera d’arte a sé.

2008 – Steelwood. Il connubio di due materiali eccezionali.

Steelwood è il risultato di un design d’eccellenza, di una lavorazione dei materiali innovativa e di un’artigianalità autentica.

Unendo due materiali tradizionali, Ronan ed Erwan Bouroullec hanno saputo creare una sedia semplice ma elegante. La seduta e le gambe di Steelwood sono in legno, mentre lo schienale è in acciaio. Può sembrare semplice, ma dare forma a Steelwood richiede un sofisticato lavoro di ingegneria e abilità tecniche d’eccezione. Operai specializzati utilizzano nove diverse procedure meccaniche per dare forma, gradualmente, allo schienale. Un processo elaborato che conferisce a Steelwood la sua intramontabile eleganza. 

Dal suo lancio, Steelwood si è evoluto in una bella famiglia di prodotti composta da sedie, sgabelli, tavoli, un appendiabiti e una libreria modulare. 

2010 – Spun. Una poltroncina che è un’opera d’arte.

In tutto ciò che facciamo puntiamo a ridefinire gli orizzonti del design dando vita a oggetti di uso quotidiano che siano anche espressioni artistiche. Un desiderio che si concretizza, ad esempio, in Spun.

Spun è un pezzo d’arredo straordinario, per il quale abbiamo utilizzato una tecnica di stampaggio rotazionale per dare forma alla plastica. Disegnata da Thomas Heatherwick, se collocata in verticale sembra solo una bella scultura; quando viene appoggiata sul lato, questa poltroncina permette di ruotare su sé stessi con un movimento circolare a 360°. Una seduta unica, divertente, che sembra un’opera d’arte. 

2014 – Officina. La reinvenzione di una tecnica antica.

Per migliaia di anni, il ferro forgiato è stato alla base di moltissimi oggetti di uso quotidiano e di manufatti decorativi. Per la collezione Officina, Ronan ed Erwan Bouroullec hanno rinnovato questa tecnica antica, creando un design dal linguaggio straordinario. 

Il ferro forgiato viene usato per dare vita a un sistema di supporti per top di diverse dimensioni e materiali. Questa è l’idea alla base di Officina. L’unicità di questa serie è data dall’abbinamento di questo materiale con forme e materiali contemporanei. Tutti i prodotti Officina, dalle sedie ai tavoli, dai sofà alle panche, hanno un look industriale senza mai rinunciare all’eleganza, adattandosi alla perfezione a qualsiasi ambiente.


2018– Bureaurama. Ridefiniamo gli spazi di lavoro.

Gli uffici sono spazi dinamici in costante cambiamento. Bureaurama, progettata da Jerszy Seymour, è una collezione pratica e bella di sgabelli leggeri e tavoli che possono essere adattati a diverse situazioni sociali e lavorative.  

Una filosofia che si riflette alla perfezione nel tavolo rotondo di questa serie: un tavolino singolo che, usato da solo, offre spazio per il lavoro individuale, ma, unito ad altri e disposto in cerchio, forma un grande tavolo adatto al lavoro collettivo e al confronto di idee.  

Bureaurama è realizzato in alluminio al 100% riciclabile, verniciato a spruzzo a mano. Non c’è un pezzo uguale a un altro, proprio come il lavoro oggi, che è diverso per ognuno di noi e in costante cambiamento.

2020 – Costume. Il divano 2.0

Per molti versi Costume, design di Stefan Diez, è il riconsiderare come dovrebbe essere un divano: un arredo pratico e versatile per la famiglia, con il minor impatto possibile sull’ambiente.

Costume accoglie il cambiamento: tutto inizia da una singola unità, che può essere poi unita in varie combinazioni o ampliata con dei braccioli. Costume è un sistema modulare che evolve e cresce al passo con le necessità e preferenze del proprietario.

La struttura di Costume è realizzata in polipropilene, un materiale resistente, riciclato e riciclabile al 100%. Le molle insacchettate permettono di ridurre l’impiego della schiuma sintetica, problematica dal punto di vista ambientale. I rivestimenti di Costume, inoltre, possono essere cambiati e lavati facilmente. Tutti i pezzi che compongono il divano sono sostituibili. Tutto infatti è pensato per prolungare al massimo la vita di Costume.

Il divano come dovrebbe essere.

Pushing the boundaries of design since 1976.