BELL CHAIR – REALIZZATA CON SCARTI INDUSTRIALI. 100% RICICLABILE.

Economica, versatile e responsabile: in collaborazione con Konstantin Grcic abbiamo sviluppato una sedia monoscocca contemporanea, realizzata interamente in polipropilene riciclato. Il polipropilene riciclato è ottenuto dagli scarti generati dalla produzione di mobili della stessa Magis e da quella dell’industria automobilistica locale. Il materiale brevettato esclude quasi tutti i materiali “vergini o nuovi” ed è riciclabile al 100% dopo l’uso. In questo modo, Bell Chair forma un ciclo di materiali praticamente chiuso.

“Il nostro obiettivo era quello di sviluppare una sedia di alta qualità utilizzando il minimo materiale indispensabile, un obiettivo per noi importante dal punto di vista ecologico, ma anche commerciale”. – Konstantin Grcic

La sedia pesa solo 2,7 kg, il che la rende più leggera di almeno un chilo e mezzo rispetto alla media delle sedie in plastica, a riprova del fatto che è stato utilizzato meno materiale, con conseguente riduzione del consumo di energia in fase di produzione. La chiave di questo risparmio sta nell’ingegnosa forma a conchiglia della sedia. La sua geometria tondeggiante non solo è strutturalmente solida, ma la rende straordinariamente comoda e visivamente attraente.

Ci siamo resi conto che c’era l’opportunità e la necessità di affrontare alcuni aspetti legati al progetto” – Konstantin Grcic

La responsabilità del progetto non si esaurisce con il prodotto in sé. Abbiamo sviluppato un concetto logistico per Bell Chair che consente di risparmiare ulteriori risorse, ossia uno speciale pallet riutilizzabile, appositamente progettato, in grado di contenere fino a 24 sedie impilate. Di conseguenza, serve meno materiale da imballaggio e l’impilaggio verticale riduce l’ingombro durante il trasporto. Il pallet funge inoltre da espositore per i rivenditori partner ed è realizzato con la stessa plastica riciclata della sedia.

La sedia è proposta in tre colori – Sunrise, High Noon e Midnight – e può essere ordinata attraverso la rete di rivenditori Magis o sul sito Magis dedicato: www.bell-chair.com

MARIOLINA VERSIONE MONOCOLORE – ora disponibile!

Quando Enzo Mari ha progettato Mariolina nel 2002, è stata una boccata d’aria fresca nel mondo delle sedie. Non si trattava semplicemente di creare una seduta, si trattava più che altro di creare qualcosa di unico…

Le sedie sono uno dei mobili basici, ma non sono affatto semplici: non hanno la struttura architettonica di un tavolo, né la comoda imponenza di un divano. Non hanno le dimensioni esagerate di un letto o le magiche possibilità tipiche della luce. Le sedie sono ovunque e devono rispondere ad una straordinaria varietà di situazioni, esigenze e gusti. Ci sediamo su di esse negli uffici, nelle cucine, nelle scuole, nelle sale da pranzo o in giardino – trascorriamo più tempo a contatto con le sedie che con qualsiasi altro oggetto e nessun altro oggetto deve resistere alla forma, ai movimenti e alle diverse posture dei nostri corpi.

“Il mondo non è stato progettato per i ricchi”, ha detto  Mari una volta, “perché il buon design dovrebbe essere accessibile a tutti.” Con questo approccio, Mari ha rivoluzionato il mondo del design e ha stabilito un nuovo modo di concepire degli oggetti come MARIOLINA.

È una sedia basica, ma allo stesso tempo un manifesto della visione progettuale di Mari: semplice, pratica, duratura e soprattutto accessibile.

Mariolina ricorda lo stile degli anni ‘50, ma presenta una serie di dettagli in più. La  sezione delle gambe in tubo di acciaio oppure verniciato infatti è più esile e precisa. Il sedile e lo schienale in polipropilene non sono fissati alla struttura attraverso viti o rivetti, ma tramite una serie di nervature in plastica stampate che abbracciano la struttura metallica sul retro del sedile e dello schienale. Mariolina è impilabile fino a 12 pezzi.

Colori a tutto tondo

Soft, brillanti e ricchi di personalità: nuovi colori entrano a far parte del mondo Magis! Turchese, giallo e rosa per Puppy, il cane disegnato da Eero Aarnio dalle forme essenziali e arrotondate che, in questi tre nuovi colori delicati, rimanda a certi dolci che regalano piacevoli sensazioni di morbidezza associate alla giocosità. Un’alternanza di colori…

Soft, brillanti e ricchi di personalità: nuovi colori entrano a far parte del mondo Magis!

Turchese, giallo e rosa per Puppy, il cane disegnato da Eero Aarnio dalle forme essenziali e arrotondate che, in questi tre nuovi colori delicati, rimanda a certi dolci che regalano piacevoli sensazioni di morbidezza associate alla giocosità.

Un’alternanza di colori caldi e freddi – giallo, rosa, bordeaux, blu e verde – caratterizza la nuova proposta di tonalità cromatiche per il container 360° disegnato da Konstantin Grcic. Forti e decisi, interpretano il carattere versatile e dinamico di questo pratico contenitore su ruote dotato di cassetti girevoli per ottimizzare lo spazio dell’ufficio e della casa.

ESAD ID TALKS – un racconto sull’esperienza di Magis

Come viene concepita, sviluppata e realizzata un’idea progettuale? La formazione incontra l’esperienza di Magis all’università ESAD di Porto in Portogallo, una rinomata scuola di design internazionale, dove Alberto Perazza, ha tenuto una conferenza ed un workshop lo scorso 17 maggio. L’evento, che rientra in un ciclo di incontri, è stato un’opportunità per parlare di design…

Come viene concepita, sviluppata e realizzata un’idea progettuale?

La formazione incontra l’esperienza di Magis all’università ESAD di Porto in Portogallo, una rinomata scuola di design internazionale, dove Alberto Perazza, ha tenuto una conferenza ed un workshop lo scorso 17 maggio.

L’evento, che rientra in un ciclo di incontri, è stato un’opportunità per parlare di design e creatività con gli studenti, futuri designer, e di come questa venga resa concreta e fruibile attraverso un lavoro sincronico tra designer ed azienda. Il tutto seguito da un processo produttivo mirato, dal quale nascono oggetti unici come i prodotti iconici di Magis, alcuni dei quali ospitati per l’occasione in una mostra allestita nell’atrio dell’ESAD.

Pushing the boundaries of design since 1976.